World Council of Churches

A worldwide fellowship of churches seeking unity, a common witness and Christian service

You are here: Home / Press centre / News in other languages / Il Vaticano e il CEC annunciano i dettagli della visita di Papa Francesco

Il Vaticano e il CEC annunciano i dettagli della visita di Papa Francesco

Il Vaticano e il CEC annunciano i dettagli della visita di Papa Francesco

Il Rev. Dott. Olav Fykse Tveit, il segretario generale del CEC e il Rev. Dott. Andrzej Choromanski del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani. Fotografia: Albin Hilert/CEC

15 May 2018

Il Vaticano e il Consiglio Ecumenico delle Chiese (CEC) hanno rivelato martedì i dettagli sulla visita storica del 21 giugno di Papa Francesco, una visita al CEC descritta come "un dono alle chiese".

"La visita di Sua Santità Papa Francesco al Consiglio Ecumenico delle Chiese nell'anno del nostro 70° anniversario, rappresenta una pietra miliare storica nella ricerca dell'unità dei cristiani e della cooperazione tra le chiese per un mondo di giustizia e di pace", ha detto il Rev. Dott. Olav Fykse Tveit, segretario generale del CEC, in una conferenza stampa.

A causa di una malattia, il Cardinale Kurt Koch, presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione dell'Unità dei Cristiani, è stato rappresentato dal Rev. Dott. Andrzej Choromanski del Pontificio Consiglio per la Promozione dell'Unità dei Cristiani, che è anche un consulente della Commissione Fede e Costituzione del CEC.

"Penso che Sua Santità abbia voluto partecipare a questo anniversario per esprimere la sua gratitudine al movimento ecumenico che il CEC ha compiuto in 70 anni come parte del movimento ecclesiale mondiale," ha affermato Choromanski.

"Sua Santità è molto coinvolto nella causa dell'unità dei cristiani. Ha detto che dovremmo mirare a un ecumenismo che ci coinvolge camminando insieme. Quando camminiamo insieme preghiamo insieme."

"Opportunità unica"

Tveit disse: "Questa è un'opportunità unica per condividere i nostri doni di comunione gli uni con gli altri e con tutte le nostre chiese in tutto il mondo. Le relazioni a livello locale e globale non saranno le stesse dopo questo evento".

"Pertanto, noi del CEC siamo immensamente grati a Sua Santità Papa Francesco per aver accettato il nostro invito a visitare il CEC quest'anno".

La visita storica del 21 giugno al CEC è solo la terza da parte di un papa, e la prima volta che tale occasione è stata dedicata alla visita al Consiglio.

"È possibile avere un orizzonte più ampio della nostra chiesa o del nostro popolo, è possibile condividere una visione basata sulla nostra fede cristiana che ci riunisce e ci rende capaci di fare molto insieme per il mondo", ha continuato Tveit.

"Uno dei principi nel movimento ecumenico è che dovremmo fare insieme ciò che possiamo fare insieme. Pertanto, è stato facile concordare un motto condiviso per questa giornata del Papa in visita al Consiglio Ecumenico delle Chiese: "Camminare, pregare e lavorare insieme".

70° anniversario del CEC

Mentre Papa Francesco inizia il quinto anno del suo pontificato, il CEC festeggia il suo 70° anniversario e la visita del Papa concluderà le celebrazioni del retaggio ecumenico e del rinnovamento della sua promessa in coincidenza con un incontro del suo Comitato centrale, un organo direttivo chiave del CEC.

Il vescovo Charles Morerod, vescovo di Losanna, Ginevra e Friburgo della Chiesa cattolica romana, ha dichiarato: "Ci siamo mossi verso una fase di reciproca buona volontà e il Papa non vuole che ci riposiamo sugli allori".

Papa Francesco arriverà a Ginevra alle ore 10:30 del 21 giugno, dopo di che pregherà e si incontrerà con il CEC.

Inoltre, terrà una messa al centro congressi Palexpo di Ginevra alle ore 17:30, e in tale giorno il pontefice lascerà la Svizzera dal vicino aeroporto di Ginevra alle ore 20:00.

Papa Paolo VI visitò il CEC nel 1969 mentre Papa Giovanni Paolo II lo visitò nel 1984.

Il CEC riunisce chiese, denominazioni e associazioni ecclesiastiche in oltre 120 paesi e territori in tutto il mondo, rappresentando oltre 560 milioni di cristiani, tra cui la maggior parte delle chiese ortodosse del mondo, decine di chiese anglicane, battiste, luterane, metodiste e riformate, nonché molte chiese unite e indipendenti.

Mentre la maggior parte delle chiese fondatrici del CEC erano europee e nordamericane, oggi la maggior parte delle chiese membri sono in Africa, Asia, Caraibi, America Latina, Medio Oriente e Pacifico e ci sono attualmente 348 chiese membri nel CEC.

La Chiesa cattolica romana non è un membro del CEC, ma è membro della sua Commissione Fede e Costituzione e di altre commissioni, e collabora con il Consiglio in molte organizzazioni.

Il CEC lavora con i cattolici su questioni di pace e migrazione in molte parti del mondo.

Accreditamento dei media

Dichiarazione del segretario generale del CEC (in inglese)

Programma della visita

Simbolo ecumenico della visita

Quest’estate Papa Francesco visiterà il Consiglio Ecumenico delle Chiese (comunicato stampa CEC del 2 marzo 2018)

Maggiori informazioni sulla visita

Le foto ad alta risoluzione della conferenza stampa e della visita di Papa Francesco saranno disponibili su www.oikoumene.org/21june (password: WCC)

 

Filed under: